Archivio news 07/12/2019

Dis. Prima Porta 5 : 1 Hammers c8

Ottavi di finale di Coppa Roma della #CenturionLeague

Passaggio del turno indolore per il Dis. Prima Porta di mister Stabile, che affronta un motivato ma tecnicamente più debole Hammers c8.

La squadra di prima porta ha un avvio un po’ farraginoso, fatica a trovare le giuste geometrie e a liberare i propri attaccanti con passaggi puliti, complice anche il gran lavoro di pressing portato avanti dall’Hammers.
Il primo pericolo nell’inizio di gara proviene infatti proprio dall’Hammers che si vede negato il gol del vantaggio grazie ad un doppio ottimo intervento di Pellerini che dice di no alle conclusioni ravvicinate sia di Peparoni che di Macellari.
Col passare dei minuti però la squadra di Stabile inizia a carburare, grazie soprattutto agli spunti offerti dal n°5 Tonucci, ritrovato innesto di grande qualità per il Dis.
Intorno al 15’ su una respinta decisamente troppo morbida e male eseguita del n°13 degli Hammers arriva il vantaggio del Prima Porta targato Davide Camponeschi, bravo a sfruttare il rimbalzo e a insaccare alle spalle di Canaletto.
Pochi istanti dopo è di nuovo Camponeschi ad aumentare il divario: discesa solitaria sulla sinistra, mancino rasoterra a incrociare dalla tre quarti e gol del 2:0; rivedibile Canaletto, il pallone – non irresistibile – gli passa fondamentalmente in mezzo alle gambe nel tentativo di deviare il tiro con il piede.
L’Hammers c8 accusa il colpo, la loro reazione stenta ad arrivare, e ne approfitta dunque il Prima Porta che va a chiudere il primi 25’ di gioco sul 3:0 grazie alla bordata del bomber Marziali da tap-in su respinta del portiere di una conclusione di Varani.
La ripresa inizia con lo stesso spartito su cui si era chiuso il primo tempo, l’intervallo non è bastato ai ragazzi degli Hammers per prendere delle contromisure agli attacchi rapidi del Prima Porta, e difatti dopo un paio di giri di orologio arriva il gol del 4:0 firmato ancora da Marziali che raggiunge così Camponeschi nel primato dei marcatori della partita.
La difesa degli ospiti balla, eccome, i seguenti minuti sono un tiro al bersaglio ma – complice la stanchezza e molta imprecisione – i ragazzi del Dis non trovano il gol del 5:0 fino a quando un gran tiro della distanza da parte di Stabile non lascia scampo a Canaletto, circa al 40’.
Negli ultimi 10’ di gioco l’Hammers non accetta più il risultato così com’è, e finalmente riesce a tirare su la testa iniziando a creare qualche pericolo dalle parti di Pellerini che, al di là dei minuti iniziali, è rimasto quasi tutta la partita a prendere freddo tra i pali del Dis. Sarà stata forse questa sua inattività – sua e del reparto difensivo – ad essere fatale per quello che sarà il gol della bandiera dell’Hammers c8, quando D’albano riceve un bel filtrate in verticale e a “tu per tu” con il portiere avversario sistema il pallone in rete con lucidità.

Il risultato finale dunque è 5:1, abbastanza veritiero rispetto a quanto visto in campo, con un Hammers mai del tutto rinunciatrio, ma nemmeno mai veramente in partita, forse anche a causa delle numerose assenze. La squadra di Stabile invece guadagna un meritato passaggio di turno che dà morale all’ambiente e rende consapevoli del fatto che quando i ragazzi del Dis sono al completo ed in serata la storia si complica notevolmente.

Pietro Teofilatto.

.